Ad Amelia si procede così da sei anni.
Ma circa il 12 per cento del bilancio comunale è destinato allo smaltimento dei rifiuti

"Come differenziare i rifiuti".
É l'opuscolo informativo, presentato ieri mattina a Palazzo Matteotti, e che verrà distribuito a partire da martedì a ogni capofamiglia di Amelia e delle sue frazioni, territorio nel quale la raccolta differenziata viene attuata da sei anni.
Si tratta di un vademecum che ha la finalità di ricordare alla popolazione, oltre che la rilevanza di una corretta raccolta differenziata e smaltimento rifiuti, anche le modalità da seguire e le sanzioni nelle quali incorrerà chi non rispetterà i dovuti comportamenti.
É importante che tutti i settori della città facciano qualcosa di più, nella propria casa, nelle scuole, negli uffici, negli spazi pubblici, nelle botteghe artigiane, negli esercizi commerciali.
Obiettivo dell'amministrazione comunale, nel breve periodo, è quello di raggiungere il 40 per cento di raccolta differenziata.
Nelle 8 pagine dell'opuscolo vengono dettagliatamente spiegate le modalità di differenziazione dei diversi tipi di rifiuti; compresi quelli ingombranti e pericolosi che, da aprile, è nuovamente possibile conferire gratuitamente presso l'isola ecologica di Fornole.
"Si effettua gratuitamente una raccolta a domicilio di rifiuti ingombranti - si legge - di natura domestica (elettrodomestici, mobili, materassi, eccetera) telefonando alla piattaforma ecologica di Fornole allo 0744/989872 e concordando l'appuntamento per il ritiro (massimo tre pezzi da portare al piano strada).
L'abbandono di tv e frigoriferi nei punti di raccolta, oltre a essere un gesto di estrema inciviltà, è un reato penale in quanto sono presenti all'interno di tali elettrodomestici sostanze nocive e pericolose che possono configurare il reato di inquinamento ambientale.
Per questo motivo e per tutelare il decoro e la salute pubblica saremo inflessibili verso chi persevererà nel porre in essere questa pratica deplorevole.
É possibile inoltre richiedere, telefonando, il ritiro gratuito di ramaglie e sfalci d'erba e potature di provenienza domestica."
"é un'iniziativa nata molto tempo fa - ha affermato il sindaco, Giorgio Sensini -.
Circa il 12 per cento del bilancio comunale è destinato allo smaltimento dei rifiuti e particolarmente oneroso risulta il conferimento di tutto ciò che non viene differenziato verso la discarica 'Le Crete' di Orvieto con un costo che si aggira intorno ai 100 euro la tonnellata.
Se si riesce a ridurre il costo dello smaltimento, le risorse risparmiate potrebbero essere destinate ad altri interventi per opere pubbliche e ambiente.
Vogliamo rinverdire alcuni principi, comportamenti che non dovrebbero essere messi in atto per consapevolezza."
"Un documento per ricordare agli amerini - ha spiegato l'assessore all'ambiente, Paolo Arice - le modalità di conferimento dei rifiuti e che dovrà essere tenuto sempre bene in vista.
Finora siamo stati clementi verso le infrazioni commesse.
Ma ora le sanzioni verso gli 'indisciplnati' verranno severamente applicate.
Già sono state allertate le forze dell'ordine, carabinieri, polizia locale, vigili urbani, forestale, wwf e guardia di finanza.
Ora i cittadini non possono dire di non sapere cosa fare, come comportarsi.
Non ci sono più alibi.
Applicheremo le sanzioni in modo inflessibile verso chi compie reati nei confronti dell'ambiente."
Per informazioni 0744/976249



0 commenti

Cerca su Amelia Notizie

Cerca per argomento

Cerca per mese di pubblicazione